giovedì, 16 Maggio , 24

“Città Sospese. Indagine sul Paesaggio” fa tappa a Napoli

Attualità"Città Sospese. Indagine sul Paesaggio" fa tappa a Napoli

Dal 10 al 30 maggio in mostra 41 fotografi contemporanei
Napoli, 9 mag. (askanews) – La mostra itinerante “Città Sospese. Indagine sul Paesaggio”, da venerdì 10 e fino a giovedì 30 maggio fa tappa a Napoli. Dopo Pesaro, la mostra collettiva di 41 fotografi contemporanei, italiani e non, si trasferisce presso “Spazio 57”, in via Chiatamone, 57.
Dopo un anno di riflessione e ricerca, questa esposizione offre al pubblico l’occasione unica di esplorare la vastità e la diversità del concetto di paesaggio, andando oltre la mera rappresentazione per coglierne l’essenza più profonda.
“Città Sospese” non si limita a mostrare paesaggi suggestivi, ma rappresenta un vero e proprio viaggio introspettivo all’interno della corrente artistica della Fotografia Transfigurativa.
La Fotografia Transfigurativa è una realtà che, da qualche anno, arricchisce il panorama artistico contemporaneo, forte di un gruppo Facebook, di una rivista trimestrale, di due volumi antologici nonché del volume “Città sospese” indagine sul paesaggio, libro fotografico del collettivo di Fotografia Transfigurativa.
Nata da un’idea di Carlo Riggi e sviluppatasi negli anni grazie al contributo di un gruppo di appassionati fotografi, questa corrente si distingue per il suo approccio peculiare alla realtà.
Come spiega lo stesso Riggi nel suo libro “Il segno e la forma”, la Fotografia Transfigurativa va oltre la ricerca della bellezza fine a se stessa. Si tratta di un modo di fotografare che indaga le sfumature della realtà, cogliendo significati già presenti nella materia e nelle sue forme. Attraverso uno sguardo attento e paziente, il fotografo transfigurativo non altera la realtà, ma la amplifica, rivelando nuove connessioni e interpretazioni.
“Città Sospese” non propone una definizione univoca del paesaggio; offre piuttosto un caleidoscopio di visioni personali. I 41 fotografi partecipanti hanno utilizzato il loro obiettivo per raccontare la propria percezione del paesaggio urbano e naturale, trasmettendo emozioni e riflessioni attraverso immagini suggestive e talvolta enigmatiche.
L’esposizione partenopea, curata da Rosita Percacciuolo, rappresenta un’occasione preziosa per immergersi nella molteplicità di sguardi che caratterizza la Fotografia Transfigurativa. Ogni immagine diventa così un invito a esplorare il mondo con occhi nuovi, a cogliere la bellezza nascosta nell’ordinario e a riflettere sul profondo legame che ci unisce al paesaggio che ci circonda.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles