venerdì, 24 Maggio , 24

Sanità, Romizi (Isde): “In Italia 10mila morti l’anno per antimicrobico resistenza”

(Adnkronos) - "L'antimicrobico resistenza (Amr) è strettamente legata...

Cantone (Federico II): “Farmaci biologici cambiano storia clinica poliposi nasale”

(Adnkronos) - "Farmaci biologici hanno rivoluzionato la storia...

Atp Ginevra, Djokovic ko in semifinale con Machac

(Adnkronos) - Novak Djokovic ko in semifinale al...

“Francia ha mandato soldati in Ucraina”, come nasce una fake news

Dall'Italia e dal Mondo"Francia ha mandato soldati in Ucraina", come nasce una fake news

(Adnkronos) –
L’Ue non manderà soldati in Ucraina per la guerra contro la Russia, “qualunque cosa dica” il presidente francese Emmanuel Macron. Le parole dell’Alto Rappresentante dell’Unione Europea per la Politica Estera, Josep Borrell, non lasciano spazio ai dubbi. L’Europa non entrerà nel conflitto. Eppure, dopo le recenti dichiarazioni di Macron, che ha ipotizzato l’invio di truppe in caso di cedimento del fronte ucraino, negli ultimi giorni – tra le varie fake news – è spuntata l’indiscrezione secondo cui la Francia avrebbe già inviato reparti della Legione straniera in Ucraina. 

I social, in questo caso, hanno fatto da amplificatore come spesso accade. Il magazine Newsweek ha acceso i riflettori sulla vicenda, evidenziando in particolare il post pubblicato su X dall’emittente Nexta Tv. “La Francia ha segretamente inviato i suoi soldati in Ucraina”, ha scritto l’emittente riportando le parole che Stephen Bryen, ex funzionario del Pentagono, ha inserito in un articolo per Asian Time. Il post, manco a dirlo, ha preso il volo con centinaia di migliaia di visualizzazioni in un paio di giorni. 

Bryen, in particolare, “sostiene che unità del terzo reggimento della fanteria francese, una delle principali unità della Legione Straniera, è stato inviato a Slovyansk per offrire supporto alla 54esima brigata delle forze armate ucraine. Questo gruppo comprende circa 100 uomini per artiglieria e osservazione. Secondo Bryen, dovrebbero arrivare circa 1500 uomini”. A corredo del post, anche uno screenshot dell’articolo con il titolo perentorio: “La Francia manda truppe da combattimento al fronte in Ucraina”. A sostegno delle affermazioni, nessun elemento. Niente prove.  

Stephen Bryen è un ex direttore dello staff della Sottocommissione Vicino Oriente sotto l’egida della Commissioni relazioni straniere del Senato americano. Da un blog riconducibile a Bryen, spiega Newsweek, il funzionario ha acquisito informazioni da Sputnik, media russo ‘megafono’ del Cremlino, e da un canale Telegram russo, Military Chronicle. 

Cosa è successo? Sputnik ha eliminato il suo post e il canale Telegram si è blindato, vincolando l’accesso ad una autorizzazione che va richiesta e che non sempre viene concessa. “Non sono stato accurato e le mie fonti erano sospette – le parole di Bryen nel blog -. Alcuni le definiscono false ma per me non lo sono”. Alla fine, è dovuto intervenire ufficialmente il ministero degli Esteri francese con un post su X: “Allerta fake news. Campagne di disinformazione sul sostegno della Francia all’Ucraina sono più attive che mai. La Francia non ha inviato soldati in Ucraina”. Messaggio perentorio, visto però da appena 60mila utenti. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles