sabato, 25 Maggio , 24

Domenica In, il ricordo di Mike Bongiorno: ospiti Mara Venier 26 maggio

(Adnkronos) - È affidato a Daniela Bongiorno il...

Incontro Tajani-premier Anp: “L’Italia riparte con i finanziamenti all’Unrwa”

(Adnkronos) - L'Italia riparte con i finanziamenti all'Unrwa....

Roma, 19enne perde controllo auto e finisce contro due persone: morto 65enne

(Adnkronos) - Una 19enne ha perso il controllo...

Franco Di Mare e il mesotelioma, ecco quanto amianto c’è ancora in Italia

SanitàFranco Di Mare e il mesotelioma, ecco quanto amianto c’è ancora in Italia

ROMA – “In Italia l’estrazione, l’importazione, l’esportazione, la commercializzazione e la produzione di amianto, nelle sue diverse forme (come per esempio l’eternit per le tettoie) sono vietate dal 1992. Eppure nel nostro Paese è stato stimato che esistono ancora da bonificare 40 milioni di tonnellate di materiali contenenti amianto, un numero davvero molto alto, che si trovano principalmente all’interno di edifici o tettoie distribuite equamente tra le zone industriali e quelle agricole, quindi sia nelle città sia nelle zone periurbane. L’amianto è presente anche in migliaia e migliaia di chilometri di condutture idriche, che sono state costruite in Italia quando l’uso dell’amianto era consentito per legge”. A farlo sapere il presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima), Alessandro Miani, intervistato dalla Dire in merito alla correlazione tra l’esposizione all’amianto e il rischio di sviluppare il mesotelioma, il tumore raro di cui tanto si parla in questi giorni per il caso del giornalista televisivo Franco Di Mare, che domenica sera in collegamento video con la trasmissione ‘Che tempo che fa’ ha dichiarato di essere affetto da mesotelioma.

LEGGI ANCHE: Franco Di Mare, i dirigenti Rai: “Non sapevamo della malattia. Faremo tutto il possibile”
LEGGI ANCHE: Franco Di Mare a ‘Che Tempo Che Fa’: “Ho un tumore”, poi rivela “Tutta la Rai si è dileguata”

COME SI È AMMALATO FRANCO DI MARE

“Da inviato di guerra- ha detto Di Mare- ho respirato amianto. Sono stato a lungo nei Balcani, tra proiettili all’uranio impoverito, iper-distruttivi, capaci di buttare giù un edificio. Ogni esplosione liberava nell’aria infinite particelle di amianto”. Ed è probabilmente lì, nel 1992 a Sarajevo, che ha iniziato a “respirare la morte”, visto il lungo periodo di incubazione del tumore che può durare anche 50 anni.

“Il caso del giornalista Di Mare è importante anche perché riporta l’attenzione su questo tema- commenta Miani alla Dire- probabilmente lui si è ammalato quando era inviato di guerra: l’amianto veniva utilizzato per le costruzioni in muratura e quando le bombe abbattono gli edifici quest’ultimi liberano polveri che possono contenere fibre di amianto che, se inalate, anche dopo un certo numero di decenni, possono portare allo sviluppo di patologie gravi come il tumore”.

L’AMIANTO E L’ETERNIT

Il mesotelioma colpisce soggetti esposti a particolari condizioni ambientali o lavorative. “È stato ancora stimato- prosegue Miani- che oggi nel nostro Paese ci siano alcune centinaia di migliaia tra studenti e docenti che vivono ambienti scolastici in cui è ancora presente l’amianto nelle sue diverse forme”. Il problema dell’eternit, spiega l’esperto, è che “esposto alle intemperie, ma soprattutto a causa della presenza di muffe di licheni, tende a sfaldarsi. Le fibre possono quindi essere trasportate dal vento raggiungendo distanze anche considerevoli”.

ASBESTOSI E MESOTELIOMA

Le principali patologie legate all’esposizione all’amianto “sono l’asbestosi, cioè cicatrizzazione diffusa del tessuto polmonare causata dall’inalazione di polvere di asbesto (amianto ndr) e il mesotelioma. Quest’ultimo- fa sapere il presidente della Sima- è un tumore raro con una incidenza relativamente bassa: in Italia rappresenta lo 0,8% di tutti i tumori diagnosticati nell’uomo e lo 0,3% di quelli diagnosticati nelle donne. Ma quello che va sottolineato è che ancora oggi l’amianto, a distanza di decenni da quando è stato bandito in Italia, miete circa 6mila vittime all’anno nel nostro Paese“.

1.500-2.000 NUOVE DIAGNOSI ALL’ANNO

Ci dobbiamo aspettare quindi nuovi casi? “Si attendono mediamente tra le 1.500 e le 2mila nuove diagnosi all’anno di patologie amianto correlate, quindi di mesoteliomi- risponde Miani- il problema è che la presenza di una così grande quantità di amianto ancora da bonificare in Italia espone ancora alcune popolazioni alla possibilità di inspirare fibre di amianto”.

In Italia, intanto, dal 2018 esiste una Cabina di regia unica sull’amianto istituita dall’allora ministro dell’Ambiente Sergio Costa, con l’obiettivo di “dare risposte ai cittadini” sulla mappatura, la bonifica, il monitoraggio e la ricerca. “Non ne conosco attualmente la politica attuativa- commenta Miani- ma certamente andrebbero fatte due cose: la prima, concentrarsi in maniera fattiva con controlli severi e approfonditi di edifici e tettoie; la seconda, incentivare il privato a farlo anche a livello fiscale”.

Lo smaltimento dell’amianto e la sostituzione di tettoie con eternit hanno infatti costi molto elevati e “non bisogna più correre il rischio che, in alcune zone agricole, le lastre di eternit continuino ad essere sotterrate per risparmiare sullo smlatimento”.
Per il futuro, poi, bisognerebbe cercare di non introdurre più sul mercato materiali o anche tecnologie di cui “non si sappia ancora il loro reale impatto sulla salute– tiene a sottolineare il presidente della SIMA- se sono o meno tossiche oppure pericolose per lo sviluppo di patologie. Nel caso dell’amianto e dell’eternit in Italia non è stato fatto e ne stiamo pagando ancora le conseguenze. Si chiama ‘principio di precauzione’ ed è sancito anche nell’ambito dell’Unione Europea”.

Infine, Miani esorta ad acquisti ‘controllati’: “Può capitare che prodotti provenienti dall’est Europa o dalla Cina possano contenere fibre di amianto poiché il suo utilizzo in quei Paesi è ancora consentito. Da alcuni controlli a campione sono stati rinvenuti per esempio piumini o giubbotti che al loro interno presentavano queste fibre; non capita così frequentemente, ma quello che voglio sottolineare è che magari è preferibile a volte spendere qualche soldo in più per un prodotto made in Italy o made in Europa piuttosto che incorrere in capi di abbigliamento contenenti fibre di amianto oppure metalli pesanti utilizzati per ottenere pigmenti di colore per i tessuti”.

L’articolo Franco Di Mare e il mesotelioma, ecco quanto amianto c’è ancora in Italia proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles