venerdì, 17 Maggio , 24

Concorso presidi 23 maggio, ministero: “Scelta dovuta a esigenze organizzative”

(Adnkronos) - Il ministero dell'Istruzione e del Merito...

Ue, fino al 19 maggio a Forlì lo European Youth Event

(Adnkronos) - Oggi alle 17.30, migliaia di giovani...

Covid Italia, aumenta l’incidenza. Rialzo contagi in Lombardia

(Adnkronos) - L’incidenza di casi Covid diagnosticati e...

Ex vigilessa uccisa ad Anzola, fermato il collega che ha sparato

(Adnkronos) - E' stato sottoposto a fermo Giampiero...

Nasce prima banca dati per far germinare piante native Mediterraneo

AttualitàNasce prima banca dati per far germinare piante native Mediterraneo

Le informazioni riguardano oltre 4500 esperimenti di germinazione
Roma, 9 mag. (askanews) – É nata la prima banca dati – MedGermDB – che raccoglie le informazioni sulle condizioni sperimentali per far germinare i semi di oltre 300 piante native del Mediterraneo. Il lavoro coordinato dall’Università di Pisa ha come obiettivo la conservazione di questo fragile hotspot di biodiversità.
“Questo strumento ci consente di predire la germinazione di piante nel bacino Mediterraneo – racconta Angelino Carta, professore di Botanica sistematica nel dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa – la sua creazione è un passo fondamentale per comprendere il rischio di estinzione delle specie native e per prevenire gli inconvenienti che possono derivare dalla perdita di questo capitale naturale”.
Le informazioni raccolte nella banca dati riguardano oltre 4500 esperimenti di germinazione, in parte ricavati da un’analisi sistematica della letteratura esistente, in parte frutto di esperimenti ad hoc condotti dal gruppo di Pisa. A livello generale, la germinazione delle piante mediterranee è favorita da temperature fresche e da un periodo di post-maturazione in ambiente secco prima della germinazione. Il database – informa Unipi – è consultabile liberamente mediante una applicazione che consente di visualizzare le informazioni disponili per ogni specie.
“In questi mesi stiamo calibrando i modelli per predire la rigenerazione delle piante da seme in uno scenario di cambiamenti climatici e identificare quelle più adatte al restauro di ecosistemi mediterranei”, aggiunge Diana Cruz, dottoranda presso il Dipartimento di Biologia che ha seguito tutte le fasi del lavoro.
Lo studio su MedGermDB è stato pubblicato sulla rivista “Applied Vegetation Science”. Al progetto hanno partecipato Alessio Mo collaboratore presso il Dipartimento di Biologia ed alcuni esperti internazionali. MedGermDB è parte integrante dell’archivio globale di dati della germinazione che è stato lanciato un paio di anni fa da un team internazionale che include anche Angelino Carta.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles