sabato, 25 Maggio , 24

Ucraina, Nato in pressing: Kiev deve colpire obiettivi in Russia per difendersi

(Adnkronos) - L'Ucraina deve essere libera di colpire...

Verissimo, ospiti puntate oggi e domani sabato 25 maggio e domenica 26

(Adnkronos) - Gigi D'Agostino, il 'capitano' della musica...

Giro d’Italia, oggi 20esima tappa: orario, come vederla in tv

(Adnkronos) - Il Giro d'Italia propone oggi la...

Ucraina, Putin e i negoziati: la strategia della Russia

(Adnkronos) - Vladimir Putin pronto a negoziare con...

Premierato, cosa prevede “la madre di tutte le riforme”

PoliticaPremierato, cosa prevede “la madre di tutte le riforme”

ROMA – Il ddl Premierato, considerato la ‘madre di tutte le Riforme’ da Giorgia Meloni, è sbarcato da poco in Aula del Senato dopo l’esame della commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama durato circa sei mesi. Il provvedimento, giunto leggermente modificato rispetto al testo originale del Governo, è ora atteso da oltre tremila emendamenti da parte dell’opposizione, che annuncia battaglia, dentro e fuori dal Parlamento.

L’ELEZIONE DIRETTA DEL PREMIER

Cuore della riforma, che va a modificare gli articoli 59, 88, 92 e 94 della Costituzione, è l’elezione del Presidente del Consiglio, votato direttamente dai cittadini, per un mandato di 5 anni. Così il premier non riceverebbe più l’incarico dal Presidente della Repubblica sulla base del risultato elettorale e avrebbe il limite di due mandati.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Il Presidente della Repubblica, su proposta del Capo del Governo, potrà nominare o revocare i ministri. Sempre per quel che riguarda i poteri del Capo dello Stato, il testo prevede l’abolizione del semestre bianco. Il Quirinale potrà quindi sciogliere le Camere anche nei 6 mesi finali del suo mandato. Il Presidente della Repubblica, infine, non potrà più nominare i senatori a vita.

IL PREMIO DI MAGGIORANZA

Tema scottante, che sarà certamente oggetto di accesi dibattiti in Aula, è il premio di maggioranza per la coalizione vincente nelle urne. Inizialmente previsto al 55%, è stato poi rivisto in commissione. L’ipotesi al momento sul tavolo è quella di un ballottaggio per i due candidati premier che otterranno più voti e che non raggiungerebbero la soglia minima del 42-44%. La questione sarà comunque regolata dalla nuova legge elettorale che, nei progetti della maggioranza, andrebbe discussa e approvata dopo la prima lettura del ddl. I disegni di legge di modifica costituzionale necessitano infatti della doppia lettura da parte di entrambe le Camere. Tra la prima e la seconda lettura quindi, troverebbe spazio la definizione della nuova legge elettorale.

LA POSIZIONE DELLE OPPOSIZIONI

La palla passa ora ai senatori. I partiti di opposizione hanno promesso battaglia con la valanga di emendamenti presentati in Aula e proteste di piazza. La segretaria Dem, Elly Schlein, ne ha annunciata una a Roma per il 2 giugno, Festa della Repubblica. La premier Meloni, dal canto suo, sembra non temere l’eventualità di dare la parola ai cittadini. Infatti, se la riforma non dovesse essere approvata con almeno i due terzi dei rappresentanti in Parlamento, a decidere sarà il referendum confermativo.

L’articolo Premierato, cosa prevede “la madre di tutte le riforme” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles