sabato, 25 Maggio , 24

Meloni e l’ironia sul monopolio Rai: “L’unica Telemeloni che esiste è questa”

(Adnkronos) - "L'unica Telemeloni che esiste è questa,...

“Italia vieti sculacciate ai bambini”, l’appello del pediatra

(Adnkronos) - La sculacciata quando il bambino esagera...

Tumore al seno, OFI Lazio presente con stand espositivo a 25esima ‘Race for the Cure’

SanitàTumore al seno, OFI Lazio presente con stand espositivo a 25esima ‘Race for the Cure’

ROMA – OFI LAZIO è partner della 25esima edizione della ‘Race for the Cure’, la più grande manifestazione in Italia e nel mondo per la lotta ai tumori al seno. L’obiettivo dell’Ordine dei Fisioterapisti del Lazio è quello di portare un sostegno concreto all’associazione ‘Susan G. Komen Italia’, che da anni si batte per tenere alta l’attenzione sul tema dei tumori al seno e, più in generale, sulla salute al femminile, per sostenere le donne che vivono l’esperienza di questa terribile neoplasia, per potenziare la ricerca nel settore e per aiutare altre associazioni creando reti virtuose.
Da giovedì 9 a domenica 12 maggio, l’Ordine dei Fisioterapisti del Lazio sarà presente al Circo Massimo di Roma con uno stand espositivo, nell’Area Partner della Race, per sostenere le attività di Komen Italia e per informare i cittadini sull’importanza della fisioterapia nei percorsi di cura del paziente oncologico e, in modo particolare, delle pazienti affette da cancro del seno.

I NUMERI, L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E IL RUOLO DELLA FISIOTERAPIA

Con oltre 56.000 nuovi casi l’anno solo in Italia, i tumori del seno rappresentano le neoplasie più frequenti nel sesso femminile. L’incidenza è in continuo aumento e si stima che entro il 2025, nel mondo, si ammaleranno quasi 6 milioni di donne. Sebbene si tratti di tumori altamente curabili, restano comunque al primo posto tra le cause di morte per cancro nella popolazione femminile mondiale.
La prevenzione può quindi fare la differenza: con la prevenzione primaria si potrebbe infatti ridurre di un terzo l’incidenza dei tumori del seno e con la diagnosi precoce, ovvero la prevenzione secondaria, le percentuali di guarigione possono superare il 90%, con cure meno invasive.
Dalla prevenzione primaria e secondaria, e durante tutto il percorso di cura e trattamento, fino alle cure palliative e di fine vita, la fisioterapia riveste un ruolo fondamentale, grazie a interventi specifici e individualizzati che contribuiscono a gestire gli effetti collaterali delle cure e a contrastare il decondizionamento funzionale che ne deriva.
Particolare attenzione viene posta alla gestione del linfedema, nelle pazienti sottoposte a mastectomia, che si basa su quattro interventi fondamentali: cura della cute per prevenire lesioni e infezioni, linfodrenaggio manuale per favorire il deflusso della linfa, terapia compressiva consistente nell’applicazione di bendaggi multi-strato compressivi e poi di tutori elasto-compressivi e, infine, esercizio terapeutico che prevede esercizi muscolari specifici per migliorare il drenaggio della linfa e la mobilità delle articolazioni, oltre che per potenziare la forza muscolare, esercizi respiratori.
Il fisioterapista, insieme all’equipe multidisciplinare, necessaria alla gestione del linfedema, è l’unico professionista abilitato a eseguire tali interventi, garantendone efficacia e sicurezza.
Nel Lazio sono numerosi i fisioterapisti operanti nel Servizio sanitario nazionale, nel privato accreditato o come liberi professionisti, specializzati proprio nel trattamento del paziente con linfedema di natura oncologica.
“I dati relativi all’incidenza- afferma all’agenzia Dire la presidente dell’Ordine dei Fisioterapisti del Lazio, Annamaria Servadio– ci esortano a mantenere alta l’attenzione sulla prevenzione del tumore al seno. Per questo OFI LAZIO alla sua prima partecipazione ufficiale a ‘Race for the Cure’, promuove e sensibilizza cittadini e addetti ai lavori sull’argomento. L’adozione di stili di vita corretti e la diagnosi precoce sono due temi importantissimi che si traducono in sostanziali miglioramenti nelle aspettative di vita”.
Nel Lazio– conclude- siamo in grado di prendere in carico in maniera integrata ed efficace le donne con tumore del seno anche se ci sono alcune discrepanze tra i territori. Proprio su queste differenze dobbiamo lavorare per cercare di rendere le cure sempre più eque e accessibili“.
Al seguente link l’elenco dei centri senologici integrati della regione Lazio, strutture che offrono la presa in carico delle pazienti con un approccio multidisciplinare per l’intero percorso di cura:https://www.ofilazio.it/i-fisioterapisti-in-prima-linea-nella-lotta-ai-tumori-del-seno-e-nella-tutela-della-salute-delle-donne/.

L’articolo Tumore al seno, OFI Lazio presente con stand espositivo a 25esima ‘Race for the Cure’ proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles