giovedì, 18 Aprile , 24

Ue, progressi sostanziali sull’Unione dei mercati dei capitali

“Svolta” nel Consiglio europeo su norme insolvenza...

Vino, oltre il 54% degli enoturisti in Lombardia sono under 35

Report realizzato da Divinea: a fare da...

Meloni: parlare ora di Draghi è filosofia, spero da Giugno Ue diversa

La Premier denuncia “fake news” contro suo...

Argentina, chiude Istituto Nazionale contro Discriminazione e razzismo

video newsArgentina, chiude Istituto Nazionale contro Discriminazione e razzismo

L’annuncio del portavoce del presidente Milei

Buenos Aires, 22 feb. (askanews) – Il portavoce del presidente argentino Javier Milei, Manuel Adorni ha annunciato che il governo argentino ha deciso di chiudere l’Istituto Nazionale contro la Discriminazione, la Xenofobia e il Razzismo (INADI).”Si è deciso di procedere allo smantellamento degli istituti che non servono assolutamente a nulla, come l’Inadi”, ha affermato Adorni nel prospettare la chiusura dell’organizzazione che lotta contro la discriminazione e assiste le sue vittime nel piano di riduzione dello Stato di povertà del presidente ultraliberale Javier Milei.L’organizzazione, con sedi su tutto il territorio nazionale e un organico di 400 dipendenti, riceve una media di 2.500 denunce all’anno per discriminazione, secondo il suo ultimo rapporto. La maggior parte proviene dal mondo del lavoro o dell’istruzione e lo è per motivi di disabilità, orientamento sessuale o genere.”Ci piacerebbe che l’Inadi venisse chiuso oggi, cosa che non è possibile per motivi amministrativi”, ha detto Adorni, spiegando che prima della chiusura definitiva occorrerà fare un passo amministrativo.Il portavoce ha inquadrato la decisione negli “ideali del presidente Milei di ridurre lo Stato”.Da quando è entrato in carica il 10 dicembre, il presidente ultraliberale ha licenziato 30.000 dipendenti statali e non ha rinnovato altri 10.000 contratti, oltre a paralizzare le opere pubbliche finanziate dall’amministrazione nazionale in tutto il paese per ridurre la spesa pubblica.”Non continueremo a finanziare luoghi dove si pagano favori politici in un Paese assolutamente impoverito”, ha detto Adorni, gettando una coltre di sospetto sulle nomine all’interno dell’istituto dove, ha aggiunto, lavorano “funzionari di dubbia idoneità”.L’INADI è stata creata nel 1995 da una legge del Congresso e dipende dal Ministero della Giustizia.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles