7Febbraio , 2023

Assolto da falso e truffa, ma chi mi cancellerà 10 anni di vergogna?

Correlati

Un cambiamento necessario

Nella giornata di mercoledì 1 febbraio è stato ritrovato...

Usa, Biden si prepara al discorso sullo Stato dell’Unione

Tra le polemiche derivate dal pallone spia cinese Milano, 6...

Sisma Turchia-Siria: oltre 3060 morti. Biden parlerà con Erdogan

Ma nessun contatto con Assad, piuttosto Ong Milano, 6 feb....

Italia consegna a Libia motovedetta per controllo flussi migranti

Tajani: ora stabilità con voto. Mangoush: apprezzo serietà governo Adria,...

Caporalato, la “Tenda” sigla il protocollo d’intesa con la Regione Campania

L’Area Territoriale de L’Associazione La Tenda OdV-Salerno ha sottoscritto...

condividi

Caro Direttore,

le racconto una breve storia triste: la mia. Nell’autunno del 2011 sono stato accusato di falso e truffa ai danni del Comune di Napoli e dello Stato italiano per la compravendita di una cappella funeraria di famiglia.

Dopo sette anni arriva il rinvio a giudizio. In primo grado vengo assolto ma condannato a risarcire il Comune. Non so se gioire o essere triste: assolto e contestualmente condannato? Sì, per un semplice errore materiale.

E’ la Corte di Appello di Napoli che a settembre scorso, giusto 10 anni dall’inizio del mio piccolo calvario, scioglie il dilemma comunicandomi che il “pagamento di provvisionale in favore del medesimo Comune è dovuto a mero refuso, costituendo dunque mero errore materiale”.

Sgrano gli occhi: mero errore? Un refusino? Sai quanto mi è costato in tutti i sensi questa svista? Pur se assolto, mi vedo costretto a fare ricorso in appello. Risultato? Nullo: il secondo grado conferma il risarcimento per le casse di Palazzo San Giacomo. Non mi resta che la Cassazione.

Presento l’istanza e nell’attesa dell’udienza mi arriva la lieta novella della Corte d’Appello, quella del “mero errore materiale”. Tutto finito? Manco per sogno! Dovrò presentarmi comunque in Cassazione per rinunciare al ricorso! Ora che le scrivo, sono ancora in attesa dell’udienza al Palazzaccio per mettere definitivamente fine a questa storia.

Caro Direttore,

finora le ho parlato della perdita di tempo e soldi. Poca cosa rispetto alla perdita di reputazione. Capisce cosa significa vivere, cercare lavoro, relazionarmi con la famiglia, gli amici, con le nuove conoscenze, con un carico pendente per falso e truffa contro la Pubblica Amministrazione?

Ancora arrossisco. Arrossisco da innocente che non deve un centesimo né al Comune di Napoli, né allo Stato italiano.

Anche se lentamente, la verità ha trionfato ed io ho ritrovato fiducia nella magistratura, ma è stata davvero dura. Ma soprattutto, mi resta una domanda: chi mi cancellerà 10 anni di vergogna?

Con stima

Alberto Patruno, già Presidente della II Municipalità di Napoli

(Lettera pubblicata dal “Corriere del Mezzogiorno”)

L’articolo Assolto da falso e truffa, ma chi mi cancellerà 10 anni di vergogna? proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento