29Gennaio , 2023

Calenda: “Berlusconi sta impallando la corsa al Colle. Ecco il mio nome”

Correlati

Pd, Bonaccini: “Porte aperte ma Giarrusso prima si scusi”

ROMA – "Noi siamo una comunità aperta e accogliente,...

Bamp: il cinema si impara a scuola

Domani al cinema America di Napoli al via il...

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen....

Juventus-Monza 0-2, Ciurria e Dany Mota affondano lo Stadium

Colpo dei brianzoli, vincono a Torino e scavalcano i...

Morte Ludovico Di Meo, il cordoglio di Lonfernini e Beccari

Il comunicato Roma, 29 gen. (askanews) - La notizia della...

condividi

ROMA – “Io credo che dovremmo incontrarci e decidere il candidato. Berlusconi deve capire che la sua candidatura sta impallando tutta la discussione su una cosa che non accadrà mai”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, intervistato da Omnibus su La7. “Poi si chiede a Draghi quali siano le condizioni affinché rimanga a Palazzo Chigi – ha aggiunto Calenda – Draghi non deve essere bruciato. È meglio tenerlo al Governo rafforzato, ma se non dovesse essere possibile per non perderlo va bene che vada al Colle per sette anni”. Per Azione, però, il nome giusto non è nemmeno quello dell’ex premier Giuliano Amato. “Si tratta di grandi nomi e personaggi ma la nostra proposta resta la ministra della Giustizia Cartabia”, ha sottolineato Calenda.

“FAVOREVOLE ALL’OBBLIGO VACCINALE”

Sulla quarta ondata della pandemia da Covid-19 che sta colpendo l’Italia, il leader di Azione preferisce non prendere una posizione netta: “Io ubbidisco e mi adeguo a quello che dice il Governo. È difficile fare una proposta alternativa non avendo una base di dati a cui accedere. Incomincio ad essere favorevole all’obbligo vaccinale ma diventerebbe una situazione molto tosta”.

“DIAMO TEMPO A GUALTIERI, MA SUI RIFIUTI HA SBAGLIATO”

Calenda, che negli scorsi giorni si è dimesso da consigliere comunale a Roma, ha anche commentato i primi mesi di consiliatura del sindaco Gualtieri: “Sui rifiuti ha sbagliato a fare una promessa irrealizzabile. La città non l’ha pulita entro Natale. Lui ha provato a fare tutto con Ama mentre noi proponevamo di affiancarle una società per la puliza di caditoie e marciapiedi. È stata una promessa sbagliata, neanche Superman poteva pensare di pulire Roma in così poche settimane. Diamogli tempo di trovare la sua strada”, ha concluso il leader di Azione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Calenda: “Berlusconi sta impallando la corsa al Colle. Ecco il mio nome” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento