29Gennaio , 2023

De Lise (commercialisti): Il governo intervenga sulla tassazione di ‘bollette’ e carburanti

Correlati

Pd, Bonaccini: “Porte aperte ma Giarrusso prima si scusi”

ROMA – "Noi siamo una comunità aperta e accogliente,...

Bamp: il cinema si impara a scuola

Domani al cinema America di Napoli al via il...

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen....

Juventus-Monza 0-2, Ciurria e Dany Mota affondano lo Stadium

Colpo dei brianzoli, vincono a Torino e scavalcano i...

Morte Ludovico Di Meo, il cordoglio di Lonfernini e Beccari

Il comunicato Roma, 29 gen. (askanews) - La notizia della...

condividi

“I cittadini italiani assistono inermi quanto sta accadendo in Ucraina. Una situazione umanitaria di gravità inaudita, alla quale si affiancherà nei prossimi mesi una crisi economica che riguarderà da vicino il nostro Paese.

È facile prevedere che si assisterà a un notevole incremento dei costi dell’energia, per questo riteniamo importante un ulteriore intervento del governo per anticipare l’emergenza economica”.

Lo afferma Matteo De Lise, presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili.

“La richiesta che parte dai giovani commercialisti riguarda le tasse sulle bollette e le accise sulla benzina, che potrebbero essere ridotte (o eliminate, in alcuni casi) per sostenere l’aumento del costo dell’energia.

Soprattutto imposte ‘superflue’, che non hanno più un senso e che servono per finanziare accadimenti del secolo scorso. In questo modo – aggiunge De Lise – si consentirebbe ai contribuenti di ottenere una ‘boccata di ossegeno’ sulla vita delle famiglie e per la produzione industriale”.

“Oggi le accise sul petrolio, secondo un’indagine di Assoutenti, pesano per il 60 per cento su ogni litro di benzina venduto in Italia (55 sul gasolio). Troppo, in questo momento storico a cavallo tra la pandemia e la guerra in Europa.

Si continuano a pagare tasse per finanziare la guerra d’Etiopia, la ricostruzione delle città coinvolte nel disastro del Vajont e quelle colpite dai terremoti di mezzo secolo fa”, spiega De Lise.

“Quanto al caro bollette, si stima che il costo energia è pari a circa il 50 per cento dell’intero valore (il 42 per cento per il gas): il resto, oltre la metà, sono imposte e costi di varia natura. Si parta da questi numeri per prevedere misure a sostegno di cittadini e imprese”.

L’articolo De Lise (commercialisti): Il governo intervenga sulla tassazione di ‘bollette’ e carburanti proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento