28Marzo , 2023

Il Wyoming è il primo stato Usa a vietare la pillola abortiva

Correlati

Innovazione,da Italia quasi 5mila domande brevetti a EPO nel 2022

11mi nel mondo in graduatoria.8 regioni tra 100 più...

Addio a Gianni Minà, il mondo nella sua agenda telefonica

Il maestro di giornalismo è morto a 84 anni Roma,...

UILM Campania: Regione attivi le risorse del Programma GOL per la formazione

Evitare di perdere posti di lavoro “La Regione Campania deve...

La popolarità di Macron è in forte calo

Solo il 28% di opinioni positive per il presidente...

condividi

Illegale “prescrivere, distribuire, vendere o usare” medicinale

Roma, 18 mar. (askanews) – Il Wyoming è diventato il primo stato Usa a vietare l’uso o la prescrizione di pillole abortive dopo che il governatore, Mark Gordon, ha firmato il disegno di legge che è stato approvato dal parlamento federale controllato dai repubblicani all’inizio di questo mese.

Il punto cruciale del testo è la disposizione che rende illegale “prescrivere, dispensare, distribuire, vendere o utilizzare qualsiasi droga allo scopo di procurare o eseguire un aborto”.

Sono esentate dal divieto le cosiddette pillole del “giorno dopo”, farmaci contraccettivi prescritti dopo il rapporto sessuale ma prima che possa essere confermata una gravidanza.

La misura prevede anche un’esenzione per qualsiasi trattamento necessario a proteggere una donna “da un rischio imminente che mette in serio pericolo la sua vita o la sua salute”, nonché qualsiasi trattamento di “aborto spontaneo secondo le linee guida mediche attualmente accettate”.

La violazione del divieto deve essere trattata come un reato penale, punibile con un massimo di sei mesi di carcere e una multa fino a 9.000 dollari.

Il governatore ha anche affermato di aver approvato l’emanazione, senza la sua firma, di un disegno di legge separato approvato dai legislatori statali per vietare le procedure convenzionali di aborto tranne quando necessario per proteggere la salute e la vita della madre, o in caso di stupro o incesto. L’eccezione è anche consentita per interrompere una gravidanza se i medici determinano che vi è un’anomalia letale del feto.

continua a leggere sul sito di riferimento