27Novembre , 2022

Inchiesta Open, la Consulta ammette il conflitto tra Senato e Procura di Firenze sulle chat di Renzi

Correlati

Tronchetti: crisi energetica mette a rischio democrazia europea

Intervista a Il Sole24Ore: stiamo perdendo competitività Milano, 27 nov....

Una sede a Milano per il Centro Formazione Supereroi

Lanciata campagna di crowdfunding Milano, 26 nov. (askanews) - Ha...

Morto il ministro degli Esteri bielorusso Makei, per Kiev è stato avvelenato

Le condoglianze di Lukashenko e della Russia. Per leader...

condividi

ROMA – La Corte costituzionale ha dichiarato ammissibile il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato sollevato lo scorso febbraio dall’Aula dei Senato nei confronti della Procura di Firenze sull’acquisizione agli atti dell’inchiesta sulla Fondazione Open di messaggi scritti, trasmessi in via informatica e telematica, di Matteo Renzi. Il nodo è la questione dell’autorizzazione preventiva di Palazzo Madama sull’acquisizione di mail e chat di un senatore da parte dell’autorità giudiziaria. La decisione sull’ammissibilità del conflitto è avvenuta nella Camera di Consiglio di oggi della Consulta. Sul merito ci sarà un’udienza pubblica la cui data è da fissare.

LEGGI ANCHE: Renzi venerdì al processo Open: “Pm eversivi, ma non mi sottraggo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento