sabato, 13 Aprile , 24

La Russa: aiutare le comunità di recupero, sono la risposta alle tossicodipendenze

Presidente Senato accoglie appello Lautari: “Anche Meloni...

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il...

Abi, a marzo -2,6% prestiti a famiglie e imprese rispetto a un anno fa

I dati dell’ultimo rapporto mensile dell’associazione bancaria Roma,...

Inquinamento e polmoni: “Healthy Lungs for Life” arriva a Milano

video newsInquinamento e polmoni: "Healthy Lungs for Life" arriva a Milano

La European Respiratory Society: “Approvare subito misure green”

Milano, 9 set. (askanews) – Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’inquinamento atmosferico causa ogni quasi 500 mila morti premature in Europa. Una situazione drammatica anche in Italia, soprattutto grandi città e nelle aree più industrializzate.”C’è ancora molto da fare – racconta ad askanews Sergio Harari, presidente del Congresso Ers (European Respiratory Society) -, in particolare in alcune regioni italiane ma in tutto il Paese, ci sono ancora dei livelli che noi riteniamo pericolosi per la salute”.Così approda Milano “Healthy Lungs for Life”, la campagna globale di sensibilizzazione sull’importanza della salute dei polmoni promossa da European Lung Foundation in collaborazione con European Respiratory Society che proprio nel capoluogo lombardo ha deciso di riunire il proprio congresso. Una sei giorni ricca di appuntamenti che, non a caso, arriva alla vigilia di un appuntamento cruciale per il futuro di tutti noi: la discussione al Parlamento di Strasburgo della direttiva europea sulla qualità dell’aria che punta a una significativa riduzione dell’inquinamento atmosferico.”Questo – chiarisce il presidente del Congresso Ers – avrebbe un impatto assolutamente importante su quelle che sono le politiche ambientali europee e quindi anche ne deriverebbero una serie di azioni significative che andrebbero condotte in termini di riscaldamento, sviluppo industriale, agricoltura e così via”.Tra medici, personale sanitario e pazienti, sono oltre 15mila i partecipanti previsti al congresso Ers. Il messaggio che arriva da Milano è chiaro: “Gli investimenti in politiche green si traducono non solo in benefici di salute ma anche in benefici economici – sottolinea Harari -. Certo bisogna avere il coraggio di sviluppare politiche che non guardino immediatamente al domani ma che abbiano una prospettiva un po’ più lunga”.E’ insomma necessaria un’immediata presa di coscienza, a partire di politica e istituzioni. “Sappiamo che le emissioni di carbonio sono la principale fonte di inquinamento causa del cambiamento climatico. Dobbiamo evitare le emissioni di carbonio nell’atmosfera – avverte Carlos Robalo Cordeiro, presidente Ers (European Respiratory Society) -. Inoltre sappiamo che la principale fonte di inquinamento nelle nostre città è il traffico, quindi una delle priorità principali è trovare soluzioni di trasporto alternative”.La campagna “Healthy Lungs for Life” vede la partnership di Forestami, il progetto di forestazione urbana che ha l’obiettivo di piantare 3 milioni di alberi nel territorio della Città metropolitana di Milano entro il 2030. Sì, perchè fare rete è fondamentale per affrontare una problematica così complessa: “Non può essere risolta da un unico settore, da un’unica disciplina o solamente dalle istituzioni. E’ sempre rilevante, e Forestami lo dimostra, che l’unico modo per affrontare questo tipo di relazioni sia lavorare insieme – assicura Maria Chiara Pastore, Direttrice Scientifica di Forestami -. L’alleanza tra discipline diverse è l’unico modo per risolvere questo tipo di complessità”.Una rivoluzione che deve partire anche e soprattutto dal basso: e cioè da chi, con i propri comportamenti quotidiani, può davvero fare la differenza: “Crediamo che sia molto importante il supporto della popolazione perchè sono i cittadini che possono cambiare le politiche ambientali – spiega ancora il presidente del congresso Ers Harari -. E quindi noi facciamo un’azione che riguarda quello che possiamo fare come ricercatori: dare dati, fornire informazioni, contribuire allo sviluppo della conoscenza. Dopodichè sono i cittadini che hanno la forza di spingere la politica a dei cambiamenti concreti”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles