giovedì, 18 Aprile , 24

Ue, progressi sostanziali sull’Unione dei mercati dei capitali

“Svolta” nel Consiglio europeo su norme insolvenza...

Vino, oltre il 54% degli enoturisti in Lombardia sono under 35

Report realizzato da Divinea: a fare da...

Meloni: parlare ora di Draghi è filosofia, spero da Giugno Ue diversa

La Premier denuncia “fake news” contro suo...

La vita nei campi profughi dimenticati della Siria

video newsLa vita nei campi profughi dimenticati della Siria

“Qui siamo abbandonati a noi stessi”

Roma, 8 ago. (askanews) – Migliaia di persone sfollate da dodici anni di guerra vivono nei campi profughi del nordest della Siria, regione abitata dai curdi, in condizioni di estrema povertà e per lo più esclusi dall’assistenza internazionale. Polvere, terra, il calore estremo di questa estate sotto le tende fatte di sacchi e vecchie stoffe. Queste immagini sono del luglio appena trascorso, fra Raqa nei campi di al-Yunani e di Sahlat al-Banat, e nel governatorato di al-Hasakah al campo di al-Talae. Dappertutto la stessa miseria e la stessa disperazione.”I nostri figli si ammalano in continuazione, diarrea, vomito, li portiamo dal medico due o tre volte la settimana” dice Rahama al.Hammud. “Dimenticati è il meno che si possa dire, non abbiamo prodotti per l’igiene né aiuti, anche le tende sono a pezzi”.”Non ci sono aiuti, la gente va a lavorare nelle discariche cercando qualcosa da vendere nella spazzatura, per comprare un po’ di pane” dice Shakura Mohammed. E ancora: “Speriamo di ricevere qualcosa in modo che almeno le donne possano stare a casa mentre gli uomini lavorano. Adesso per cavarcela dobbiamo lavorare tutti: uomini, donne, bambini”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles