7Febbraio , 2023

L’appello del direttore della Dire: “Grazie per i messaggi di solidarietà, ora sostegno concreto”

Correlati

Usa, Biden si prepara al discorso sullo Stato dell’Unione

Tra le polemiche derivate dal pallone spia cinese Milano, 6...

Sisma Turchia-Siria: oltre 3060 morti. Biden parlerà con Erdogan

Ma nessun contatto con Assad, piuttosto Ong Milano, 6 feb....

Italia consegna a Libia motovedetta per controllo flussi migranti

Tajani: ora stabilità con voto. Mangoush: apprezzo serietà governo Adria,...

Caporalato, la “Tenda” sigla il protocollo d’intesa con la Regione Campania

L’Area Territoriale de L’Associazione La Tenda OdV-Salerno ha sottoscritto...

Roma, la mostra Archivi aperti sui lavoratori della terra nel 900

Fai Cisl, momenti di lotta e partecipazione dei braccianti Milano,...

condividi

ROMA – Grazie, veramente. Ringrazio i tanti che in questo momento difficile della vita dell’agenzia Dire nelle ultime ore stanno esprimendo pubblicamente la loro solidarietà. Messaggi che arrivano da operatori della comunicazione, deputati e senatori di tutte le forze politiche, consiglieri regionali e comunali di tutta Italia, sindacalisti e dirigenti politici, sindaci e presidenti di Regione. Sono commosso, onorato di essere il direttore di un’agenzia, la Dire, i cui servizi giornalistici sono da tutti ritenuti importanti, da mantenere e salvaguardare. Ma un’agenzia di informazione primaria come la Dire vive di abbonamenti con le istituzioni pubbliche nazionali e locali, con imprese e associazioni, abbonamenti anche di piccola entità se sono molti. Per questo mi aspetto che a livello politico da voi arrivi anche una sollecitazione al Governo nazionale perché in tempi rapidi approvi la riforma che tutte le agenzie attendono da anni per adeguare l’acquisto da parte dell’amministrazione pubblica dei servizi giornalistici prodotti dalle agenzie qualificate. Tornando alla Dire, sono sicuro che in questi giorni di trattativa tra Fnsi e Fieg anche ogni singolo giornalista dell’agenzia si adopererà per segnalare e far cogliere ogni opportunità utile. Magari proprio attivando nuovi abbonamenti il problema del costo del personale, sfociato nelle richieste di cassa integrazione fatte dall’azienda, potrebbe trovare una diversa soluzione. Per questo ritengo giusto rivolgermi a tutti quelli che manifestano vicinanza per tradurla in solidarietà fattiva. Ancora grazie, contiamo su di voi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento