7Febbraio , 2023

Lo sdegno della senatrice Leone: “Mi hanno rubato il cappotto alla Camera”

Correlati

Un cambiamento necessario

Nella giornata di mercoledì 1 febbraio è stato ritrovato...

Usa, Biden si prepara al discorso sullo Stato dell’Unione

Tra le polemiche derivate dal pallone spia cinese Milano, 6...

Sisma Turchia-Siria: oltre 3060 morti. Biden parlerà con Erdogan

Ma nessun contatto con Assad, piuttosto Ong Milano, 6 feb....

Italia consegna a Libia motovedetta per controllo flussi migranti

Tajani: ora stabilità con voto. Mangoush: apprezzo serietà governo Adria,...

Caporalato, la “Tenda” sigla il protocollo d’intesa con la Regione Campania

L’Area Territoriale de L’Associazione La Tenda OdV-Salerno ha sottoscritto...

condividi

ROMA – Una vicenda degna di Gogol, una vera e propria disavventura nel giorno più solenne per le istituzioni: l’elezione del presidente della Repubblica. Akakij Akakievic, dopo aver cercato invano giustizia, muore di freddo senza ritrovare il suo prezioso cappotto. A Cinzia Leone è andata meglio. Ne ha recuperato un altro nell’armadio. Ma la sostituzione non ne ha attenuato lo sdegno.”Sono #INDIGNATA”, è il messaggio che la senatrice Leone affida ai social dopo aver preso atto che dopo qualche giorno nessuno le ha ancora recapitato l’indumento trafugato a Montecitorio. Le doglianze dell’esponente del M5S raccolgono qualche centinaio di like.

“Buongiorno care e cari, scusate lo sfogo ma sono profondamente INDIGNATA su quanto mi è accaduto in Transatlantico di Montecitorio, venerdì scorso al termine della votazione del presidente della Repubblica. Premesso che in Aula non è consentito entrare con il cappotto (della foto) lo lasciai, giusto il tempo della votazione, su di uno dei divani nel Transatlantico”. Un capo dal taglio militare, un doppiopetto con bottoni dorati, un tessuto che si intuisce soffice e caldo, un bell’indumento che protegge dagli spifferi di un inverno non troppo freddo, in verità, senza che l’eleganza ne risulti sacrificata. Per dirla con l’immortale russo: “C’erano due vantaggi: uno, che teneva caldo e, secondo, che faceva figura”.

LEGGI ANCHE: Mattarella bis: partiti e parlamentari oggi battono le mani a più non posso, da domani?

Ma l’imprevisto incombe. “Ebbene il cappotto non l’ho trovato laddove lo lasciai, dopo il voto, al che iniziai a controllare nei vari divani, ma niente”, denuncia la senatrice rivolgendosi ai suoi amici di Facebook. Il dubbio cerca di stemperare l’amarezza. “Ho sperato che qualcuno lo avesse preso involontariamente e che a breve giro lo avrebbe fatto rinvenire al guardaroba”, confessa Leone, e poi l’amara consapevolezza: “Sono trascorsi giorni ma mi è stato confermato stamane che nessuno ha fatto pervenire il mio cappotto”.

Ed ecco che di fronte al misfatto arriva la presa di coscienza: “Provo profonda tristezza poiché pur comprendendo che era un cappotto di buona manifattura e un apprezzato brand LSpagnoli (Luisa, ndr), che qualcuno lo abbia RUBATO è davvero impensabile in un ambiente frequentato da senatori, deputati, commessi, giornalisti”. Ma la vita va avanti. E tocca correre qualche rischio.”Comunque quest’oggi ritorno a Montecitorio con un altro cappotto che rigorosamente consegnerò al guardaroba e presenzierò all’insediamento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella”, scriveva la senatrice stamattina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Lo sdegno della senatrice Leone: “Mi hanno rubato il cappotto alla Camera” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento