27Novembre , 2022

Manovra, Gimbe: niente investimenti per la salute delle persone

Correlati

condividi

Cartabellotta: “In Italia spesa sanitaria inferiore alla media Ue”

Milano, 24 nov. (askanews) – “La sanità pubblica continua a rimanere fuori dalle priorità del Paese, nonostante le enormi criticità esplose con la pandemia. Infatti, se nei momenti più bui tutte le forze politiche convergevano sulla necessità di rilanciare il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), con la fine dell’emergenza la sanità è ‘rientrata nei ranghi’, come dimostrato prima dalla scarsa attenzione nei programmi elettorali, poi dall’assenza di un piano di Governo per la sanità pubblica e, da ultimo, dal mancato incremento del finanziamento nella Legge di Bilancio 2023 presentata dall’Esecutivo: ovvero, nessun ulteriore investimento per la salute delle persone”. E’ il giudizio di Nico Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe, sulle risorse per la sanità stanziate dalla legge di bilancio illustrata dal governo.

Secondo la Fondazione Gimbe, salvo sorprese al fotofinish la Legge di Bilancio confermerebbe infatti solo l’aumento di 2 miliardi di euro previsti dalla precedente manovra. “Una cifra che oltre ad essere erosa dall’inflazione – ha commentato Cartabellota intervenendo ieri al convegno ‘La sanità di oggi e di domani: idee proposte di riforma del Sistema Sanitario’, organizzato nell’ambito del 17esimo Forum Risk Management di Arezzo – non permetterà di coprire i costi straordinari dovuti alla pandemia e alla crisi energetica, né tantomeno di avviare alcun rilancio del SSN. Con il risultato di mandare ‘in rosso’ anche le Regioni più virtuose, con inevitabili conseguenze sull’erogazione sulla qualità dell’assistenza”. Peraltro, se uno degli obiettivi “ventilati” in campagna elettorale era di allineare il finanziamento alla media europea, Cartabellotta ha ricordato che “nel 2020 la spesa sanitaria pubblica italiana era inferiore di 215 dollari pro-capite rispetto alla media europea: esiste dunque un gap di circa € 12,7 miliardi che può essere colmato solo con una programmazione pluriennale di rilancio del finanziamento pubblico”.

Il Presidente ha illustrato le criticità che compromettono sempre più il diritto costituzionale alla tutela della salute, determinando rinunce alle cure e inaccettabili diseguaglianze, non solo regionali, nell’accesso alle prestazioni e alle innovazioni. Dalla grave carenza di personale sanitario, che in alcuni settori è diventata una vera e propria emergenza, alla necessità di rendere accessibili a tutti i cittadini le prestazioni sanitarie dei “nuovi LEA”, ancora ostaggio di un “decreto tariffe” mai pubblicato per carenza di risorse; dall’incapacità di mantenere aggiornate le prestazioni ai progressi della ricerca,all’allungamento delle liste d’attesa che le Regioni non riescono a recuperare. Cartabellotta ha poi puntato il dito sul regionalismo differenziato perché “senza adeguate contromisure, l’attuazione delle maggiori autonomie in sanità non farà che aumentare le diseguaglianze, legittimando normativamente il divario tra Nord e Sude violando il principio di uguaglianza dei cittadini sul diritto costituzionale alla tutela della salute”.

“Per un adeguato rilancio del SSN – ha concluso Cartabellotta – servono risorse per allineare la spesa sanitaria pubblica alla media dei paesi europei, coraggiose riforme di sistema e soprattutto la visione del servizio sanitario che la politica intende consegnare alle future generazioni. Altrimenti, il SSN è condannato ad una stentata sopravvivenza che finirà per sgretolare, lentamente ma inesorabilmente, il modello di una sanità pubblica, equa e universalistica, pilastro della nostra democrazia”.

continua a leggere sul sito di riferimento