7Febbraio , 2023

Nicodemi: alcolismo non si risolve con “health warning” in etichetta

Correlati

Usa, Biden si prepara al discorso sullo Stato dell’Unione

Tra le polemiche derivate dal pallone spia cinese Milano, 6...

Sisma Turchia-Siria: oltre 3060 morti. Biden parlerà con Erdogan

Ma nessun contatto con Assad, piuttosto Ong Milano, 6 feb....

Italia consegna a Libia motovedetta per controllo flussi migranti

Tajani: ora stabilità con voto. Mangoush: apprezzo serietà governo Adria,...

Caporalato, la “Tenda” sigla il protocollo d’intesa con la Regione Campania

L’Area Territoriale de L’Associazione La Tenda OdV-Salerno ha sottoscritto...

Roma, la mostra Archivi aperti sui lavoratori della terra nel 900

Fai Cisl, momenti di lotta e partecipazione dei braccianti Milano,...

condividi

Presidente Consorzio Vini Abruzzo: Non è questa l’Europa che vogliamo

Milano, 14 gen. (askanews) – “Non è questa l’Europa che vogliamo, il problema dell’alcolismo (diffuso nei Paesi del Nord) non si risolve con un’etichetta sulla bottiglia. Come al solito siamo di fronte ad un provvedimento che ha molta forma ma poca sostanza, è l’ennesima campagna denigratoria da parte di Bruxelles nei confronti di un prodotto, il vino, che è un alimento integrato nella nostra dieta mediterranea”. Lo ha dichiarato in una nota Alessandro Nicodemi, alla guida del Consorzio tutela vini d’Abruzzo, intervendo sul via libera dell’Europa all’Irlanda per gli “health warning” sulle etichette degli alcolici.

“Credo sarebbe più strategico, ma forse più costoso per il Paese in questione e meno di effetto mediatico, investire in percorsi formativi ed educativi rivolti ai giovani per sottolineare l’importanza di un consumo ragionevole e metterli in guardia quando si parla di abuso” ha proseguito Nicodemi, aggiungendo che “tra l’altro il problema dell’alcolismo, soprattutto nei giovani, è legato come sappiamo ai superalcolici, il cui consumo è in spaventosa crescita”. “Insomma non sarà una banalissima dicitura a risolvere il problema ma la stessa potrebbe creare dei danni ai produttori di vino che in Irlanda lavorano bene anche se, per mere questioni di dimensioni, si tratta di un mercato minimale anche per il vino abruzzese” ha concluso il presidente del Consorzio, ricordando che nel 2021 in Irlanda il fatturato per i vini d’Abruzzo è stato di circa 700-750mila euro.

“La decisione dell’Ue è un’azione irresponsabile – ha concluso – l’esempio irlandese potrebbe essere seguito da altri Paesi, andando a mettere in difficoltà una filiera che si traduce in una delle principali voci del nostro agroalimentare”.

continua a leggere sul sito di riferimento