lunedì, 11 Dicembre , 23

Al Teatro Brancaccio di Roma torna Rapunzel il Musical

Dal 15 dicembre, con Lorella Cuccarini Roma, 10...

Netanyahu parla con Putin e critica la posizione anti-israeliana della Russia

Negli organismi mondiali Roma, 10 dic. (askanews) –...

Bikeflip, la piattaforma europea per comprare e vendere biciclette

Un progetto di tre campioni sportivi diventati...

Onu: “La fine dell’Aids è possibile entro il 2030”

video newsOnu: "La fine dell'Aids è possibile entro il 2030"

Lo afferma la direttrice di Unaids pubblicando il nuovo rapporto

Roma, 13 lug. (askanews) – “I dati e le prove della relazione che stiamo pubblicando oggi mostrano che c’è un percorso che mette fine all’Adis entro il 2030. Il percorso che mette fine all’Aids è lo stesso percorso che aiuterà le società a essere preparate per le pandemie future e che aiuterà anche i Paesi a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile”: lo ha affermato Winnie Byanyima, direttrice esecutiva di Unaids, il Programma delle Nazioni Unite per l’Hiv e l’Aids, in una conferenza stampa a Ginevra.L’Onu aveva inizialmente fissato per il 2015 l’obiettivo di mettere fine all’Aids, come minaccia per la salute pubblica entro il 2030. Secondo Byanyima, i maggiori progressi contro l’Hiv, il virus che causa l’Aids, sono stati fatti nei paesi e nelle regioni dove si sono fatti importanti investimenti. Ad esempio in Africa orientale e del sud, dove le infezioni di Hiv sono diminuite del 57% dal 2010.Botswana, Eswatini, Rwanda, Tanzania e Zimbabwe hanno già raggiunto gli obiettivi 95-95-95 targets. Ciò significa che il 95% delle persone che vivono con l’hiv conoscono la loro situazione; il 95% di coloro che sanno di avere l’hiv sono sotto trattamento con anti-retrovirali; e il 95% di chi è sottoposto al trattamento riusce a guarire dal virus.Almeno 16 altri paesi sono vicini a questo obiettivo; tra di loro ci sono 8 paesi dell’Africa sub-sahariana, Danimarca, Kuwait e Thailandia.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles