7Febbraio , 2023

Pitti, per the SIGN_Situèr Milano nuove frontiere del design lifestyle

Correlati

Usa, Biden si prepara al discorso sullo Stato dell’Unione

Tra le polemiche derivate dal pallone spia cinese Milano, 6...

Sisma Turchia-Siria: oltre 3060 morti. Biden parlerà con Erdogan

Ma nessun contatto con Assad, piuttosto Ong Milano, 6 feb....

Italia consegna a Libia motovedetta per controllo flussi migranti

Tajani: ora stabilità con voto. Mangoush: apprezzo serietà governo Adria,...

Caporalato, la “Tenda” sigla il protocollo d’intesa con la Regione Campania

L’Area Territoriale de L’Associazione La Tenda OdV-Salerno ha sottoscritto...

Roma, la mostra Archivi aperti sui lavoratori della terra nel 900

Fai Cisl, momenti di lotta e partecipazione dei braccianti Milano,...

condividi

In collaborazione con Ghost Studio

Roma, 13 gen. (askanews) – Pitti Uomo in collaborazione con Ghost Studio, si apre al mondo del design e lancia the SIGN: una nuova area speciale dedicata agli oggetti, ai complementi di arredo e di stile più innovativi, inaspettati e indispensabili. Una proposta altamente selezionata di brand e realtà in grado di ispirare e offrire nuovi input creativi e di business. Con le sue eccellenze creative ad alto tasso di originalità, l’area speciale si inserirà nella Sala delle Nazioni, all’interno del percorso della sezione Superstyling, che raccoglie le collezioni di ricerca del salone.

È stata la “semplice” idea di piegare il metallo invece di saldarlo che ha cambiato la vita di Federica Paoli e Biagio Castellani, i trentenni fondatori di Situér Milano: a Pitti presenteranno i loro oggetti iconici, perfetti per la casa, ma anche per hotel, showroom e negozi.

Il marchio, nato da meno di tre anni, ha profonde radici nel mondo della lavorazione dei metalli, ereditate da Biagio dall’azienda di famiglia Castellani , che produce scaffalature industriali e mobili metallici in Toscana. Ed è proprio lì che, dopo vari esperimenti, è nata la caratteristica curvatura, ad oggi brevettata, per cui sono conosciuti.

Questa nuova lavorazione, ha portato larghi benefici ecosostenibili, che si estendono su più fronti: sono state ridotte di circa il 20% le emissioni di CO2, diminuiti notevolmente i consumi energetici, riduzione significativa della durata del ciclo produttivo, che si aggiungono ad una drastica riduzione di materiale di scarto.

Il brand inizialmente si è concentrato sulle scaffalature, reinterpretando il classico prodotto industriale, minimale e modulare, per riproporlo come arredo di design versatile con nuove finiture colorate.

continua a leggere sul sito di riferimento