6Febbraio , 2023

Quirinale, i risultati del terzo scrutinio: prevale ancora la scheda bianca

Correlati

Si aggrava bilancio terremoto in Turchia e Siria: almeno 640 morti

Si cercano ancora centinaia di dispersi sotto le macerie Roma,...

Covid, Gimbe: in 7 giorni contagi e ricoveri in calo ma boom di morti

Monitoraggio settimanale: -9,9% di nuovi casi ma +27,2% di...

Vaccini, Gimbe: in caduta libera tra fragili e anziani

Il presidente Cartabellotta: "Quasi 12 mln senza quarta dose" Milano,...

Sanremo al via: 28 artisti in gara, l’amore il fil rouge

La 73esima edizione del Festival è targata Amadeus Sanremo, 6...

Catania, Schifani: grande partecipazione popolo a festa Sant’Agata

"Apprezzato richiamo dell'arcivescovo a impegno e trasparenza" Roma, 5 feb....

condividi

ROMA – Terzo tentativo andato a vuoto: il nome del prossimo presidente della Repubblica non c’è ancora. Lo scrutinio del terzo giorno di votazioni a Montecitorio, l’ultimo con il quorum a 673 voti, ha parlato chiaro: le schede bianche sono 412 su 978 grandi elettori che hanno partecipato all’elezione. Il più votato è stato il presidente uscente Sergio Mattarella (125 preferenze), seguito da Guido Crosetto, proposto da Fratelli d’Italia ma che con 114 voti ha raccolto ben più preferenze di quelle della delegazione del partito di Giorgia Meloni (63). Si torna a votare domani alle 11, con il quorum che scende a quota 505.

La rosa di nomi presentata ieri dal centrodestra – Moratti, Nordio, Pera – non ha scaldato i cuori del fronte opposto. E anche l’ipotesi di eleggere al Colle Elisabetta Casellati, caldeggiata stamattina dal leader della Lega Matteo Salvini, ha trovato una netta chiusura del centrosinistra. Dopo un vertice tra i leader di Pd e Italia Viva, Enrico Letta ha escluso il nome della presidente del Senato: “Operazione assurda e incomprensibile, così salta tutto”. E anche dal partito di Matteo Renzi fanno sapere: “No a candidature che dividono la maggioranza e mettono a rischio la coalizione di governo”.

Proporre la candidatura della seconda carica dello Stato, insieme all’opposizione, contro i propri alleati di governo sarebbe un’operazione mai vista nella storia del #Quirinale. Assurda e incomprensibile. Rappresenterebbe, in sintesi, il modo più diretto per far saltare tutto.— Enrico Letta (@EnricoLetta) January 26, 2022

Intanto, il fronte centrista capitanato da Renzi lavora a uno schema Draghi-Casini: l’obiettivo è portare uno dei due al Quirinale e l’altro a Palazzo Chigi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Quirinale, i risultati del terzo scrutinio: prevale ancora la scheda bianca proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento