7Febbraio , 2023

Scuola, Bianchi: “Regole diverse perché è diverso il grado di protezione”

Correlati

Un cambiamento necessario

Nella giornata di mercoledì 1 febbraio è stato ritrovato...

Usa, Biden si prepara al discorso sullo Stato dell’Unione

Tra le polemiche derivate dal pallone spia cinese Milano, 6...

Sisma Turchia-Siria: oltre 3060 morti. Biden parlerà con Erdogan

Ma nessun contatto con Assad, piuttosto Ong Milano, 6 feb....

Italia consegna a Libia motovedetta per controllo flussi migranti

Tajani: ora stabilità con voto. Mangoush: apprezzo serietà governo Adria,...

Caporalato, la “Tenda” sigla il protocollo d’intesa con la Regione Campania

L’Area Territoriale de L’Associazione La Tenda OdV-Salerno ha sottoscritto...

condividi

ROMA – “Di tutto il pacchetto di decisioni, e in particolare per quelle della scuola, l’obiettivo è tornare nelle aule in presenza e in sicurezza”. Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, lo ha ribadito oggi in diretta al Tg1.

Bianchi ha anche aggiunto che ci sono regole diverse a seconda delle fasce d’età “perché è diverso il grado di protezione. Sappiamo che per i bambini piccolissimi (0-6) non c’è vaccino e quindi è necessario proteggerli al massimo. I bambini tra 5 e 11 hanno raggiunto solo l’11% di tasso di vaccinazione. Mentre i ragazzi più grandi sono molto più avanti: quasi l’84% ha già ricevuto la prima dose e il 75% ha già ricevuto la seconda. Quindi sono situazioni molto diverse e abbiamo ritenuto che per i bambini piccoli fosse necessario scattare immediatamente con la Didattica a distanza. Diversa è la dei ragazzi più grandi dove bisogna solo completare la vaccinazione. Per i ragazzi più grandi si è presa una misura già attiva con la circolare del 6 novembre: una sistematizzazione di un’azione che era già in corso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Scuola, Bianchi: “Regole diverse perché è diverso il grado di protezione” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento