6Febbraio , 2023

Un libro per un’artista performativo: Argh! di Davide Savorani

Correlati

Covid, Gimbe: in 7 giorni contagi e ricoveri in calo ma boom di morti

Monitoraggio settimanale: -9,9% di nuovi casi ma +27,2% di...

Vaccini, Gimbe: in caduta libera tra fragili e anziani

Il presidente Cartabellotta: "Quasi 12 mln senza quarta dose" Milano,...

Sanremo al via: 28 artisti in gara, l’amore il fil rouge

La 73esima edizione del Festival è targata Amadeus Sanremo, 6...

Catania, Schifani: grande partecipazione popolo a festa Sant’Agata

"Apprezzato richiamo dell'arcivescovo a impegno e trasparenza" Roma, 5 feb....

Arte Fiera chiude: 50mila visitatori, in linea con pre pandemia

Organizzatori soddisfatti: "Manifestazione riuscita" Milano, 5 feb. (askanews) - Si...

condividi

Il volume presentato nello spazio Cler a Milano

Milano, 12 gen. (askanews) – Raccontare il lavoro performativo di un artista attraverso i suoi diari personali. Davide Savorani lo ha fatto, con un volume intitolato “Argh!” E pensato per fascicoli indipendenti, curato da Frida Carazzato e Caterina Riva. Un libro mobile, come la pratica di Savorani, che è stato presentato ed esposto nello spazio Cler di via Padova a Milano, dove abbiamo incontrato l’artista. “L’idea della pubblicazione di Argh – ha detto ad askanews – nasce dal desiderio di raccogliere tutti gli schizzi, gli appunti, le notazioni, i disegni che stanno dietro la mia pratica che è anche performativa, live. Il disegno è il primo approccio, per poi andare a realizzare qualcosa che viene incarnato dagli interpreti che chiamo a fare il lavoro e la performance stessa”.

La riflessione si muove intorno alla possibilità di un libro di essere supporto mobile, elastico e flessibile alla pratica artistica, ma rappresenta anche un’occasione di approccio diverso alla performance, ne indaga le origini e le ispirazioni. Dando anche uno spazio importante alla parola, quasi come se stessimo ragionando di poesia visiva o di alfabeti dei corpi. “Argh – ha aggiunto Savorani – è un’onomatopea, ed esprime anche secondo le curatrici del progetto qualcosa che è quasi un moto di replica a una frustrazione, ai tentativi costanti di dare forma a qualcosa. Ma è anche un moto di entusiasmo, di rabbia e penso che sia quell’onomatopea che ognuno pronunciandola può caricare di diversi significati”.

Significati che trovano cittadinanza da Cler, spazio anche’esso mobile e gestito da artisti, che lo hanno immaginato aperto alla ricerca libera sulla contemporaneità.

continua a leggere sul sito di riferimento