sabato, 13 Aprile , 24

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il...

Abi, a marzo -2,6% prestiti a famiglie e imprese rispetto a un anno fa

I dati dell’ultimo rapporto mensile dell’associazione bancaria Roma,...

Abi, prosegue diminuzione tassi. Sui mutui casa a marzo scesi a 3,79%

In calo sia quelli a medio/lungo termine...

Cinque Riserve MAB UNESCO per una nuova visione comune del Grande Fiume

Sottoscritto Protocollo d’intesa, giornata storica per le...

Venezia, “Io Capitano” di Garrone vince per la miglior regia

video newsVenezia, "Io Capitano" di Garrone vince per la miglior regia

Premiato anche Seydou Sarr come miglior attore emergente

Roma, 9 set. (askanews) – E’ stato il film più applaudito dalla stampa “Io Capitano” di Matteo Garrone, presentato in concorso alla Mostra di Venezia e dal 7 settembre nei cinema. Racconta il viaggio avventuroso di due giovani, Seydou e Moussa, che lasciano Dakar per raggiungere l’Europa. I personaggi interpretati da Seydou Sarr e Moustapha Fall, sognano di diventare musicisti celebri in Europa ma attraversano le insidie del deserto, gli orrori dei centri di detenzione in Libia e i pericoli del mare. “L’idea è stata quella di cambiare prospettiva, cioè mettere la macchina da presa in una sorta di controcampo – ha raccontato Garrone – cioè far rivivere allo spettatore l’esperienza di cosa vuol dire fare quel viaggio. Per realizzarlo era necessario farlo insieme a loro, quindi è un film che abbiamo fatto insieme. Io mi sono proprio aggrappato alle loro storie e alla verità”.Garrone ha raccontato un’odissea contemporanea per dar voce a chi, appena sbarcato in Italia, diventa solo un numero. “Sicuramente è un film che affronta un tema, come sappiamo, estremamente complesso, drammatico, però è anche un archetipo. E’ un film che racconta dell’eterno viaggio verso la terra promessa, verso un futuro migliore. Siamo abituati a vedere le immagini dei barconi che arrivano nel Mediterraneo. A volte vengono salvati a volte no. La conta dei vivi e dei morti. E col tempo, con gli anni ti abitui a pensare che siano solo dei numeri, no? Invece dietro ogni numero c’è una persona, c’è un sogno, c’è una famiglia, ci sono dei desideri”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles