6Febbraio , 2023

“Vespro solenne per la Festa di San Gennaro” di Francesco Durante

Correlati

Christian Greco: i musei come presidio di libertà e democrazia

Un'intervista con il direttore del Museo Egizio di Torino Torino,...

Si aggrava bilancio terremoto in Turchia e Siria: almeno 640 morti

Si cercano ancora centinaia di dispersi sotto le macerie Roma,...

Covid, Gimbe: in 7 giorni contagi e ricoveri in calo ma boom di morti

Monitoraggio settimanale: -9,9% di nuovi casi ma +27,2% di...

Vaccini, Gimbe: in caduta libera tra fragili e anziani

Il presidente Cartabellotta: "Quasi 12 mln senza quarta dose" Milano,...

Sanremo al via: 28 artisti in gara, l’amore il fil rouge

La 73esima edizione del Festival è targata Amadeus Sanremo, 6...

condividi

Sabato 19 marzo, Reale Cappella del Tesoro di San Gennaro, musiche del ‘700 in “Prima esecuzione” dirette dal Maestro Giovanni Acciai

NAPOLI. La Reale Cappella del Tesoro di San Gennaro ospiterà, sabato prossimo (19 marzo, ore 19.30) la prima esecuzione assoluta in epoca contemporanea del “Vespro Solenne per la Festa di San Gennaro”.

L’omaggio a Francesco Durante, compositore settecentesco di origini napoletane, ideato e promosso dalla Fondazione Pietà de’ Turchini, è realizzato dall’ensemble Nova Ars Cantandi diretto dal maestro Giovanni Acciai, con la partecipazione di Ivana Vallotti all’organo. Il concerto raccoglie composizioni vocali sacre per quattro voci e basso continuo di Durante, tra cui i “Salmi” e il “Magnificat”, insieme a brani per organo di Giovanni Salvatore (1610-1688) e di Domenico Zipoli (1688-1726).

Nova Ars Cantandi, collegium vocale et instrumentale diretto dal Maestro Giovanni Acciai

“Una prima esecuzione di pagine di rara bellezza in un luogo di pari suggestione – sottolinea Federica Castaldo, Presidente della Pietà de’ Turchini –  che si realizza grazie alla accoglienza nella magnifica cornice della Cappella da parte della Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro e che, nella magistrale esecuzione dell’ensemble diretto dal maestro Acciai, vuole essere anche un momento di partecipazione spirituale e civile alla drammatica sequenza di morte e distruzione che funesta i nostri giorni”.

“Oltre a rappresentare un’occasione di ascolto preziosa per la rarità del repertorio offerto – aggiunge il maestro Giovanni Acciai – il concerto racchiude in sé non pochi motivi di interesse e di approfondimento intorno al Settecento musicale napoletano, periodo fra i più fecondi e, nello stesso tempo, anche fra i più trascurati della storia musicale italiana”.

Giovanni Acciai, organista, compositore, direttore di coro ed esperto in filologia musicale, è docente di Paleografia musicale presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.  Autore di numerosi saggi musicologici, svolge contemporaneamente un’intensa attività concertistica e discografica alla guida dei Solisti del Madrigale e del Collegium vocale et instrumentale Nova ars cantandi.

Il concerto sarà poi trasmesso sulla piattaforma web Turchini Live  il 21 marzo alle ore 20 in occasione della Giornata Europea della Musica antica, promossa dal REMA/ Rete Europea Musica Antica.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria per email a segreteria@turchini.it . Necessario Green Pass Rafforzato e l’uso della mascherina FFP2. Info: tel. 081402395 www.turchini.it

L’articolo “Vespro solenne per la Festa di San Gennaro” di Francesco Durante proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento